Agenzia Giornalistica
direttore Paolo Pagliaro

CASTELLI ROMANI CENTRO TURISMO INTERNAZIONALE

CASTELLI ROMANI CENTRO TURISMO INTERNAZIONALE

I nuovi dati emersi durante la conferenza stampa della XX edizione del ‘Buy Lazio’, workshop turistico internazionale promosso e organizzato dall’Unione regionale delle Camere di commercio del Lazio, in collaborazione con l’Enit, la Regione Lazio, tramite l’agenzia del turismo e con il coinvolgimento delle Associazioni di categoria del settore e il patrocinio del Mibact, dimostrano un trend positivo. L’evento resta la più grande e storica vetrina turistica del Lazio. Presenti questa mattina, il presidente di Unioncamere Lazio Lorenzo Tagliavanti, il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, insieme al vicepresidente, Massimiliano Smeriglio, il direttore dell’Enit, Gianni Bastianelli e del dg Turismo del Mibact, Francesco Palumbo. L’edizione di quest’anno si avvale della piena collaborazione e sostegno del ‘Sistema dei castelli Romani’ composto dalla Comunità montana dei Castelli Romani, dal parco Regionale, dal Consorzio sistema bibliotecario, dal Gal Castelli Romani e Prenestini e da Cna Roma Castelli. Nella suggestiva cornice del Centro Congressi di Villa Mondragone, il 15 settembre, avranno luogo più di 1500 appuntamenti per mettere in contatto buyers e sellers nel settore turistico regionale, gestiti attraverso la piattaforma telematica di agenda online con 24 mercati esteri per un totale di 70 buyer partecipanti.

SUPREMAZIA TURISTICA DELL’ITALIA - “L’Italia ha la supremazia turistica in tutta Europa per i viaggiatori da oltreoceano - commenta il direttore esecutivo dell’Enit, Giovanni Bastianelli –, anche il turismo interno ha avuto notevoli sviluppi registrando quest’anno parametri del 78%; a livello regionale invece, vorrei sottolineare il Golfo di Gaeta in provincia di Latina, piccola perla che ha avuto un incremento del settore produttivo turistico del 30%”. Un sostanziale interesse è stato dimostrato nei confronti delle città d’arte in una misura del 23%, di cui un 14% riservato agli hotel a 4 stelle e le locazioni di lusso come ville e dimore storiche. Al secondo posto per i prodotti turistici made in Italy, più richiesti le località marittime (19%), seguite con il 18% dai prodotti enogastronomici. Un turismo, secondo Bastianelli che deve mantenere il suo assetto culturale legato all'ospitalità e all'orgoglio per la divulgazione della cultura del nostro Paese, per essere inteso come risorsa collettiva. La Regione Lazio si sta avviando “verso un clima che comincia ad avere segnali di controtendenza” afferma il presidente della Regione Nicola Zingaretti, durante la conferenza stampa. I dati ai quali fa riferimento il Presidente sono i nuovi valori Istat che dimostrano come “la Regione abbia aumentato il suo export del 15%, raddoppiando, per così dire, la performance a livello nazionale arrivata a +8%”. Zingaretti ha poi ricordato che quest’anno il ministero dell’Economia abbia certificato la Regione Lazio tra le più virtuose per la sua performance nei pagamenti delle fatture emesse a suo carico, attestandone l’efficienza per l’avanzamento del risanamento finanziario.

TURISTA, CITTADINO PROVVISORIO - “Occorre considerare il turista come un cittadino provvisorio con la facoltà di scegliere, che come ogni altro cittadino vuole efficienza nei trasporti, nell’ordine e nel decoro pubblico”, ha detto ancora il governatore del Lazio. Zingaretti ha sottolineato l’importanza di una sedimentazione dei flussi turistici più che di un incremento dichiarando come il “ritorno del turista” debba essere un obiettivo fondamentale da attuare attraverso politiche a sostegno del turismo e una sinergia tra servizi e strutture ricettive. “Entro il 2018 tutti i treni regionali saranno sostituiti con convogli di nuova generazione, come i nuovi treni Jazz già in esercizio per i collegamenti con gli aeroporti di Roma Capitale”, ha concluso Zingaretti. (Sam – 13 set)

(© 9Colonne - citare la fonte)