Agenzia Giornalistica
direttore Paolo Pagliaro

COVID, PALU’: ANDAMO
VERSO ENDEMIZZAZIONE

COVID, PALU’: ANDAMO <BR> VERSO ENDEMIZZAZIONE

“Con questo alto numero di contagi è statisticamente normale che qualche persona in più si ritrovi in ospedale con una polmonite. Magari perché non vaccinata o con ciclo vaccinale incompleto o con patologie concomitanti. Ma questo non significa che Ba.5 sia più patogena”, “se guardiamo ai dati resi noti il 30 giugno dal Centro europeo per il controllo delle malattie, possiamo dire di avere certezza della minore patogenicità di Ba.1 e Ba.2, mentre su Ba.4 e 5 i dati sono minori. Ma oltre ai tanti riscontri clinico-epidemiologici, anche un recente studio pubblicato in America e che ha interessato una quota significativa di popolazione indica che i casi di polmonite si sono ridotti moltissimo. Il dato importante è che tutte le sottovarianti di Omicron hanno delle mutazioni in un sito della proteina S che rendono difficile la fusione tra l'involucro esterno del virus e la membrana plasmatica della cellula. Fusione attraverso la quale il virus entra a livello polmonare”. Così Giorgio Palù, presidente dell'Aifa e professore emerito di Virologia dell'Università di Padova, ridimensiona, in una intervista a La Stampa, l'allarme polmoniti lanciato dai medici del 118. Si va verso una endemizzazione del virus? “Non siamo ancora a quel punto ma via via che aumenta la popolazione immunizzata dai vaccini o dalla malattia si arriverà ad avere un virus endemico come avviene per gli altri virus respiratori stagionali”. (5 LUG - red)

(© 9Colonne - citare la fonte)