Agenzia Giornalistica
direttore Paolo Pagliaro

Chiara Ferragni
in Botticelli

Chiara Ferragni <br> in Botticelli

di Paolo Pagliaro

(17 luglio 2020) A Firenze la Galleria degli Uffizi ha paragonato la bellezza di Chiara Ferragni, in visita al museo, a quella della Venere di Botticelli. In una nota affidata a Instagram gli Uffizi hanno definito la blogger e designer 33enne un “fenomeno sociologico che raccoglie milioni di seguaci in tutto il mondo, fotografando un’istantanea del nostro tempo”. E hanno aggiunto che “i canoni estetici cambiano nel corso dei secoli. L’ideale femminile della donna con i capelli biondi e la pelle diafana è un tipico ideale in voga nel Rinascimento. Magistralmente espresso alla fine del ’400 da Sandro Botticelli nella Nascita di Venere. Ai giorni nostri l’italiana Chiara Ferragni, nata a Cremona, incarna un mito per milioni di followers, una sorta di divinità contemporanea nell’era dei social”.

L’idea di ricercare nella contemporaneità la reincarnazione dei miti del passato spalanca nuovi orizzonti alla critica, alla politica culturale e al business delle sponsorizzazioni. Sistemata Venere con il suo ragguardevole giro d’affari, ora può farsi avanti l’erede di Apollo. Le porte degli Uffizi sono aperte.

(© 9Colonne - citare la fonte)