Agenzia Giornalistica
direttore Paolo Pagliaro

IL DEBUTTO DEL WASHINGTON POST

6/12/1877

IL DEBUTTO DEL WASHINGTON POST

Il 6 dicembre 1877 viene pubblicato il primo numero del Washington Post tuttora il più diffuso e antico quotidiano di Washington. Fondato in quello stesso anno da Stilson Hutchins, il Washington Post, potendo vantare una sede nella capitale degli Stati Uniti, sin da subito porta ad evidenza i fatti della politica nazionale, pur considerandosi un giornale a carattere locale, al punto da non prevedere un’edizione che sia destinata alla distribuzione nelle regioni ad ovest del Paese. Nel corso degli anni l’autorevolezza del quotidiano si consolida sino ad essere seconda soltanto a quella del New York Times. La fama internazionale viene raggiunta con la tenace opera di scavo compiuta dai giornalisti Bob Woodward e Carl Bernstein nell’ambito del caso Watergate. Un’inchiesta che porta alla luce sconcertanti verità legate alla presidenza di Nixon costringendo il presidente, per la prima volta nella storia degli Stati Uniti d’America, alle dimissioni. Di grande risonanza anche l’inchiesta pubblicata nel 2000 dal giornalista J. Stephens che porta alla ribalta un caso di sperimentazione umana non autorizzata da parte del colosso farmaceutico Pfizer, in Nigeria, dove la multinazionale utilizza un nuovo farmaco in occasione di una grave epidemia di meningite nella città di Kano. Anno dopo anno il Washington Post moltiplica i numeri delle sue tirature, raggiungendo una media di oltre 600 mila copie giornaliere, un dato che si innalza prepotentemente durante la domenica, sfiorando il milione di copie vendute.

(© 9Colonne - citare la fonte)